CRESCERE INSIEME: un sentiero per incontrare se stessi

Tutto iniziò trent'anni fa.

Eravamo un gruppo di amici che amavano incontrarsi ogni tanto per fare il punto della situazione sulla propria vita.

Le domande che ci avevano accomunati erano quelle di sempre, erano quelle di tanti prima di noi che credevano e ancora credono nella possibilità di miglioramento: Chi sono io? Come sono diventato ciò che ora sono? Dove vado? Dove vorrei veramente andare? Cosa mi vincola? Cosa posso fare per realizzare ciò che veramente sono?

Stabilimmo degli incontri che dapprima erano occasionali. Poi, spontaneamente, aumentò l'urgenza di approfondire, allora decidemmo di frequentarci con regolarità.

Ognuno metteva a disposizione degli altri la propria storia di vita. Decidemmo tre semplici regole che potessero tutelare la nostra amicizia: la sincerità, la riservatezza affinchè tutto restasse all'interno del gruppo, e il non giudizio.

Parlavamo veramente di tutto: di meditazione, affetti, denaro, lavoro, educazione e Dio. Il filo conduttore era comunque quello di aprire il proprio punto di vista, accettando di mettere in discussione le proprie conoscenze, i propri condizionamenti a vantaggio di una visione più oggettiva e più ampia, che ci permettesse di vedere ciò che genera paura e sofferenza in noi e al tempo stesso trasformasse questo "vedere" in strumento efficace per affrontare e comprendere la vita in tutte le sue manifestazioni. 

E' incredibile scoprire quale valore ha la nostra storia personale quando, oltre al protagonista che racconta se stesso, viene con calma ascoltata, guardata, illuminata da altri punti luce che hanno come scopo quello di cercare il vero. Di solito ci si sofferma sui comportamenti, su cosa si fa e da lì scatta automaticamente il giudizio sulla persona. Invece se si supera questo modo superficiale di vedere e ci si chiede il perchè delle cose, si può accedere ad un livello più profondo che permette di sostituire la comprensione al giudizio.

Solo quando le nostre esperienze vengono lette in questa chiave esse si rivelano fonte di insegnamenti preziosi.

Sono trascorsi molti anni dall'inizio di questa ricerca ed ora è diventata un SENTIERO, un vero cammino interiore ed esteriore. Il gruppo di persone è rimasto quasi completo e il tempo ci ha permesso di testimoniare con onestà gli effetti di questo "lavoro" su noi stessi.

Tutto ancora continua in questo luogo che da poco abbiamo chiamato "CASA L'ALBERO DELLA VITA".

“La felicità e la pace del cuore nascono dalla
 coscienza di fare ciò che riteniamo giusto e
 doveroso, non dal fare ciò che gli altri
 dicono e fanno.”

                                                                                                                                             Mahatma Gandhi